Tanzania

Quando si pensa alla Tanzania, l’immagine è quella del paradiso degli animali selvatici e del loro territorio: i parchi naturali.
Il Serengeti e il cratere di Ngorongoro sono i più famosi.
Il primo è uno dei simboli del continente africano con i suoi 14.000 km2 di “pianure sconfinate” è una delle più importanti aree protette dell’Africa.
Il secondo, formatosi 2 milioni e mezzo di anni fa dall’esplosione di una montagna vulcanica che ha lasciato scoperto un grande cratere che, nel corso dei millenni, è divenuto una riserva naturale che ospita un’abbondanza e una varietà di animali e piante senza paragoni.

Il clima tropicale è caratterizzato da due periodi di piogge stagionali: le grandi piogge (da aprile a giugno) e le piccole piogge (da ottobre a dicembre). Due sono i periodi migliori per visitare i parchi della Tanzania: gennaio e febbraio con temperature molto alte e da giugno a settembre con temperature più miti.
Tra l’altro in questi periodi si verifica il fenomeno delle grandi migrazioni, quando le mandrie di erbivori come gnu, gazzelle e zebre si trasferiscono in massa alla ricerca di nuovi pascoli.

Abbiamo organizzato un viaggio per il periodo di luglio, dove, proprio grazie a questa transumanza, la concentrazione delle mandrie di erbivori, dei grandi felini e degli altri predatori è maggiore.
Saremo accompagnati da una guida esperta che parla perfettamente italiano e conosce molto bene questi territori.
Consultateci:
06.86205858
info@demetraviaggi.it